ERICH TURRONI

UNA ELEGIA DELL'UMANO

Carsico

 

CARSICO

 

DAL 20 FEBBRAIO 2016

AL 20 MARZO 2016

 

     MUSAS

     via della Costa, 26

     SANTARCANGELO DI ROMAGNA

 

     ORARI DI APERTURA

     Sabato - Domenica e Festivi
     dalle 15,30 alle 18,30

     Chiuso il 25 dicembre

 

     INFO

     339 4826441

     cristallino.focus@gmail.com

 

inaugurazione 

SABATO 20 FEBBRAIO 2016 / ORE 17.30

“Lo trovassimo anche noi un umano

puro, contenuto, ristretto, una striscia nostra di terra

       feconda

tra fiume e roccia. Perché il nostro cuore ci trascende

ancora, come il loro trascendeva loro. Ma non possiamo più

perseguirlo in immagini dov’esso si plachi, né

in corpi divini dove, più grande, si moderi."

 

RAINER MARIA RILKE, Elegie duinesi

La ricerca di Erich Turroni tenda nel suo complesso a configurarsi come una possente, implacabile elegia dell’umano. Elegiaca può dirsi intanto la traiettoria del suo stile, calibrata sulla ritrazione piuttosto che sull’azione, nella quale domina un riserbo, un pudore espressivo talmente rigoroso da escludere qualsiasi residuo d’intenzionalità soggettiva; ma elegiaca è soprattutto la prospettiva da cui egli osserva il suo oggetto, la modalità in cui esso si rende manifesto, quasi si trattasse di una materia obsoleta, perduta, e lui fosse lì per circoscriverne l’estremo barlume. Perché la figura umana, esclusivo leitmotiv della sua opera, porta qui il segno di una condizione postuma, di un crepuscolo; si profila come qualcosa di rassegnato in una distanza incommensurabile, chiuso nella perfetta dolorosità di un commiato.

L’indagine di Erich Turroni si attesta sulla persona: una individualità generica e indeterminata, in bilico fra scaturigine e fading, scolpita nell’atto di emergere da chissà quali recessi minerali, o, al contrario, in procinto di svanire, assorbita dalla liquidità di un fondale.

Attraverso due canali stilistici diametralmente opposti eppure complementari, egli ci consegna delle sembianze ancora in germe, ridotte al loro minimum, segnate dal marchio della precarietà. Un indizio che nell’opera scultorea, a fronte delle proporzioni monumentali e massicce, si manifesta soprattutto nella testura delle superfici, in tutto simili a delle pelli cicatriziali – ruvide, corrose, abrasive; mentre in quella pittorica si esplicita in un dettato figurativo evanescente, mutevole, restio a coagulare.

Forme dunque in fieri, barlumi di una coscienza primordiale, del suo sogno o del suo più prossimo incubo – dirette a dare testimonianza di una sorta di oralità primaria dell’umano, di un suo esatto archetipo.

 

ROBERTA BERTOZZI

 

Dal testo in catalogo:

[...]

Erich Turroni, quale uno di noi, difensori della “sacralità cenacolare del fare”, sa più che bene che questa non è epoca propizia per mostrarsi per intero, seppure qua e là comparendo, per poi di nuovo scomparire, oltre che per dare un cenno a chi attento, vigile, in attesa del “mondo nuovo”, anche per creare “opere di sabotaggio culturali” al fine di interrompere o deviare oppure prosciugare  il corso dei vari fiumi artefatti e apostati che il sistema (non solo artistico) quotidianamente ci propone.

Processo “etico”, quindi, di austera e solida proposizione di un Sé sia a livello espressivo, ma, soprattutto, a livello umano. Un compito … una missione … una fermezza ideale e propositiva … volutamente (ma ancora per poco) misterica.

 

GIAN RUGGERO MANZONI

Durante l’inaugurazione interverrà Gian Ruggero Manzoni e sarà

presentato il catalogo che raccoglie

le ultime opere dell'artista.

Anteprima →

 

 

ERICH TURRONI – CARSICO

© 2016 Calligraphie

In-plano | carte sensibili

 

Testo critico

Gian Ruggero Manzoni

 

Fotografia e impaginazione grafica

Lampestudio – Massimo Proli

 

Stampa

Sicograf – Cesenatico

 

 

 

CRISTALLINO

LUOGHI PER LE ARTI VISIVE

contatti

Segui CRISTALLINO

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey YouTube Icon