VERTER TURRONI

 ANTOLOGIA FOSSILE

 

Antologia Fossile

DOMENICA 26 FEBBRAIO 2017 / ORE 17.30

VERTER TURRONI + ERICH TURRONI

+ TIR

Verter Turroni

Alla base della ricerca di Verter Turroni (Cesena 1965) sta la progettazione, la volontà di dare o sottrarre struttura: slancio architettonico che si innesta all’aria, che intende lo spazio come un sistema, inseparabile dagli elementi in esso contenuti e dal tempo – che nel ritaglio di perimetri e volumi considera anche la consistenza del vuoto, ne accoglie le infiltrazioni, inglobandole, come certe armature gotiche, nel proprio seno.

In linea con altre esperienze del Novecento anche nella sua opera la prassi dominante è quella del prelievo: oggetti estrapolati dal loro contesto primario vengono assemblati al fine di una loro risemantizzazione.

Tuttavia vi è una importante divergenza: i materiali su cui Turroni concentra il suo interesse hanno del tutto perso una posizione nell’ambito della realtà – sono in partenza avulsi, fuori di contesto perché corrotti, privi di un valore d’uso come di qualsiasi altra funzione.

Materie povere, carcasse di strutture, frattaglie industriali situate al punto estremo della catena produttiva – residui, ossia eccedenze di realtà che non possono essere riassorbite e di cui non si sa che farsene. Sono corpi e conformazioni di un inquietante interregno che, separato fin dal principio dalla natura, riesce estraneo anche al dominio della tecnica. Il rottame, la materia disadorna quando toccata anche solo per un istante da uno sguardo, e dunque riscattata dal continuum indifferenziato dell’oggettività, si rigenera perché questo equivale al suo ingresso nella presenza – alla restituzione di entità.

Un cranio di fango compresso adagiato su un guanciale plastico, frammenti di arredo fissati con del nastro adesivo, l’anima di un tavolo per basamento, l’impronta che la vernice o il poliuretano ha inciso su un pannello di compensato: tutto ciò che è difettoso, dissonante, sgradevole recupera una straordinaria dignità, una ragione d’armonia, uno statuto che supera la stessa dimensione estetica. Perché ciò che si vuole escluso dal presente fa qui ritorno come suo fondamento – impressione archeologica, iscrizione fossile che rigetta qualunque sublimazione, che non può più essere resa neutra.

Roberta Bertozzi

CRISTALLINO

LUOGHI PER LE ARTI VISIVE

contatti

Segui CRISTALLINO

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey YouTube Icon