La somma delle cose: Giacomo Cossio

November 2, 2015

Alcuni appunti sull'opera dell'artista che ha firmato il manifesto di questa edizione di Cristallino

 

 

In una intervista, Giacomo Cossio ha affermato che al centro del suo lavoro “la questione principale è l'oggetto, la materia, la stratificazione: la somma delle cose che ricreano il mondo”. Una questione tattile dunque, tutta intesa alla massima densità, nella quale a guidarlo è l’esigenza di contrarre nello spazio ridottissimo della rappresentazione l’esuberante datità dell’esistente – il suo carattere imperativo, la sua incontenibile forza d’espressione.

 

Macchine, ruspe, scavatrici; pezzi di giocattoli e strutture metalliche; ma anche, secondo una linea di continuità solo in apparenza dissonante, vasi e piante: gli oggetti privilegiati della sua opera, scelti in forza del loro presentarsi come segmenti, parti isolate di un più generale dinamismo fisico e meccanico, vengono installati direttamente sulla tela, brutalmente fusi con essa, in un procedere per blocchi, accumuli, mediante impasti e aggregazioni.

 

L’esito sono delle potenti pitto-sculture, perché di pittura e di scultura si tratta, in un solo gesto; conglomerati in cui risalta soprattutto la sua fascinazione per i valori cromatici e plastici della materia, valori che vengono stratificati e poi, subitaneamente, tramite quella facoltà di stilizzazione così tipica del fare artistico, destituiti di profondità, rastremati fino a coincidere con l’esigua, sintetica conformazione di un archetipo.

 

In questa accentuazione del timbro e delle volumetrie, nel suo essere fedele a una sorta di primitività del mondo e delle cose, a un loro “stato puro” fatto di immediatezza e di violenta accensione sensoriale, si comprende come Cossio non sia interessato a una riproduzione mimetica della realtà, tantomeno a consegnarci un suo equivalente simbolico. Ad andare in scena è un gioco di forze, un corpo a corpo con l’oggetto, una contesa che nel vocabolo “agone”, sia nel suo senso arcaico che derivato, trova il referente più idoneo: l'arte è insieme campo di lotta e agonia, combattimento e risoluzione, parossistica vitalità e allo stesso tempo concrezione mortifera.

 

 

Un’arte in cui l’elemento macchinico e l’elemento vegetale, l’autocarro come la pianta d’appartamento, si fanno archai, modelli, effettivi precipitati dello storico e del contingente, tessere di una provvisoria tassonomia del visibile.

Essi non possiedono nulla di oggettivo, nel senso empirista del termine, ma rivendicano una natura mitica; non esistono più come oggetti, quasi reclamando uno statuto superiore.

È per questi motivi che l’opera di Giacomo Cossio è stata scelta come icona del primo atto di Cristallino e in modo particolare della mostra "Il pensiero è un abisso": per questa sua capacità di tradurre l’esperienza che possiamo fare del mondo entro una istanza marmorea, naturalizzata, monumentale. Dove, per parafrasare alcuni titoli delle sue ultime esposizioni, il tentativo di restituire il reale corrisponde alla sua, mitografica, ricostruzione.

 

Roberta Bertozzi

 

 

Giacomo Cossio (Parma 1974)

Tra le mostre personali: L’ultima ruota del carro, Galleria Bonioni, Reggio Emilia, a cura e testi in catalogo di Chiara Canali e di Nicolò Bonechi, 2014; Corpi Macchine Piante. Tentativi di realtà, Le Torri dell’Acqua, Budrio (Bologna) a cura e testo in catalogo di Martina Cavallarin, Giulio Costa, 2012 (nell’ambito di Arte Fiera Off, Arte Fiera Bologna 2012); Pandora. Macchine+Piante = Ricostruire il mondo nuovo, Galleria l’Affiche, Milano, a cura di Chiara Canali, testi in catalogo di Chiara Canali e Alberto Reggianini, 2010.

Tra le mostre collettive: Installazione per Volvo CE, sede Volvo, Milano; Costruzioni, Galleria Bonioni, Reggio Emilia a cura di Federico Bonioni; Step Art Fair con Galleria Bonioni, La Fabbrica del Vapore, Milano; Ricostruire il mondo, Museo Storico Archeologico, Santarcangelo, a cura di Francesco Bocchini, 2014.

Please reload

POST RECENTI

August 2, 2017

January 18, 2017

December 12, 2016

December 5, 2016

November 18, 2016

Please reload

ARCHIVIO
Please reload

TAGS
Please reload

  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

CRISTALLINO

LUOGHI PER LE ARTI VISIVE

contatti

Segui CRISTALLINO

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey YouTube Icon